Tutto il giorno davanti storia vera: Adele Cucci chi è nella realtà e che fine ha fatto l’assessore

Tutto il giorno davanti storia vera

Tutto il giorno davanti storia vera del film

Tutto il giorno davanti è una storia vera ? Il film diretto da Luciano Manuzzi si incentra sulla storia di Adele Cucci, assessore alle attività sociali del comune di Palermo dal 2014 al 2017. Ha preso in carico come tutore legale oltre 900 minori stranieri non accompagnati sbarcati nel capoluogo siciliano. Nel film, Isabella Ragonese interpreta il ruolo di Adele Cucci. Ma chi è nella realtà e che fine ha fatto l’assessore ?

Tutto il giorno davanti storia vera, Adele Cucci chi è nella realtà

La storia vera di Tutto il giorno davanti si sviluppa nel maggio 2014, quando migliaia di migranti, in fuga da guerre e miseria, sbarcarono in Italia e soprattutto in Sicilia. Tra di loro c’erano molti ragazzi e ragazze, classificati come “minori stranieri non accompagnati”. Il film racconta le storie di alcuni di questi giovani migranti e quella di Adele Cucci, che accettò di diventare la loro tutrice legale. Adele, soprannominata “la grande madre”, ha operato nel sociale, scontrandosi ogni giorno con vicende emotivamente intense. Ha assistito oltre 1200 bambini, di cui 900 giunti in Italia come migranti e i rimanenti palermitani, per i quali si è da sempre battuta. La sua dedizione l’ha resa bersaglio di critiche, ma anche un simbolo di integrazione e sostegno attivo all’immigrazione.

Tutto il giorno davanti storia vera di Adele Cucci, che fine ha fatto nella realtà

Il film Tutto il giorno davanti si ispira liberamente alla straordinaria storia di Agnese Ciulla, operatrice sociale, facilitatrice territoriale, formatrice e consulente. È madre di due figli di 19 e 13 anni. Tra il 2012 e il 2017, è stata assessore alla Cittadinanza sociale del Comune di Palermo nella giunta di Leoluca Orlando. La sua storia è straordinaria e si è guadagnata il soprannome di “la grande madre”.

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA