C’è Ancora Domani storia vera e significato: in quale periodo si svolge la vicenda del film

C'è Ancora Domani storia vera

C’è Ancora Domani storia vera e significato del film di Paola Cortellesi

C’è Ancora Domani storia vera ? Il primo film da regista di Paola Cortellesi ha raggiunto un successo straordinario, soprattutto per il tema trattato e nel periodo in cui si svolge la vicenda. Così è stato considerato uno dei migliori film del 2023, già pluripremiato con il Nastro D’Argento 2024. In che periodo è ambientato C’è ancora domani e qual è il significato del titolo ? Ecco tutte le curiosità e i segreti del film.

C’è Ancora Domani storia vera, in quale periodo si svolge la vicenda

Il film racconta la storia di Delia Santucci, una donna che vive nella Roma del secondo dopoguerra. Nel contesto storico-sociale siamo nella seconda metà degli anni ’40, in una Roma divisa tra la spinta positiva della liberazione e le miserie della guerra appena alle spalle. La povertà è diffusa, e le differenze sociali creano incomunicabilità tra i ceti della popolazione. Il ruolo della donna è assoggettato al sistema patriarcale. Il significato del titolo C’è ancora domani si riferisce alla data del 2/3 giugno 1946, le prime elezioni in Italia dopo il fascismo, con il diritto di voto alle donne.

C’è Ancora Domani storia vera: Delia Santucci è esistita nella realtà ?

C'è Ancora Domani storia vera

Delia Santucci è esistita nella realtà ? Si occupa della casa, dei figli e del suocero malato. Subisce maltrattamenti e violenza da parte del marito Ivano, sia fisicamente che psicologicamente. Ivano è il ritratto di un uomo del tempo, cresciuto nelle regole patriarcali e che percepisce Delia come meno di niente. Anche se non è esistita nella realtà, il film esplora temi come la violenza domestica, le disuguaglianze di genere e la forza interiore delle donne. C’è ancora domani omaggia i grandi classici del cinema italiano del Dopoguerra e celebra le attrici di quell’epoca. È donna, moglie e madre.

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA