I Cento Passi come finisce il film di Peppino Impastato, finale e spiegazione

I Cento Passi come finisce

I Cento Passi come finisce il film di Peppino Impastato

I Cento Passi è un film del 2000 diretto da Marco Tullio Giordana, dedicato alla vita e alla famiglia di Peppino Impastato giornalista che ha combattuto la mafia. Nello stesso anno ha vinto il premio come miglior sceneggiatura al Festival di Venezia. Luigi Lo Cascio ha interpretato il ruolo del giornalista Impastato. Nel cast figurano anche Andrea Tidona, Luigi Maria Burrano, Claudio Gioè, Domenico Centamore, Ninni Bruschetta e Tony Sperandeo. I Cento Passi come finisce il film di Peppino Impastato ? La trama, il finale e la spiegazione del film.

I Cento Passi trama completa

Come finisce I Cento Passi
I Cento Passi: Claudio Gioè e Luigi Lo Cascio

Il 5 gennaio 1948 a Cinisi, un piccolo centro del palermitano, nasce Peppino Impastato. Nella sua famiglia non mancano legami con la mafia: suo padre è imparentato con uno dei boss della zona. Da giovanissimo Peppino si avvicina alla politica e fonda L’idea socialista, un giornale che verrà sequestrato dopo pochi numeri. Quindi nel 1977 darà vita a Radio Aut, una radio libera, dai cui microfoni denuncerà i delitti e gli affari dei mafiosi e dei politici corrotti di Cinisi e Terrasini.

I Cento Passi come finisce il film di Marco Tullio Giordana su Peppino Impastato

Dopo la morte dello zio Don Cesare Manzella, Peppino incontra Stefano Venuti un pittore che considera come suo padre. Quello biologico lo ha cacciato via di casa perché andava in contrasto con la mafia. Peppino Impastato scrive articoli, il più famoso è titolato “La mafia è una montagna di mer*a”. Gaetano Badalamenti detto don Tano, nonché socio di suo padre, viene denunciato da Peppino che intanto si candida per il partito Democrazia Proletaria.

I Cento Passi finale spiegazione: come è morto Peppino Impastato

I Cento Passi come finisce

Il suo impegno politico lo porterà presto alla morte. Il 9 maggio del 1978 Peppino verrà ucciso, su commissione del socio del padre (Badalamenti). Il suo corpo verrà ritrovato sui binari della ferrovia di Palermo. Nello stesso giorno muore anche Aldo Moro ritrovato in via Caetani a Roma. Peppino era ormai diventato troppo scomodo per i mafiosi e il padre, che era morto in un oscuro incidente, non lo poteva più proteggere da don Tano.

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA