Goffredo Mameli causa morte e malattia, come è morto e chi ha ucciso il poeta

Blog di Alberto Fuschi

Goffredo Mameli causa morte

Goffredo Mameli causa morte e malattia del poeta

Goffredo Mameli causa morte

Come è morto e chi ha ucciso Goffredo Mameli ? Resterà una delle figure più importanti della storia d’Italia. Poeta e patriota italiano, autore del testo dell’inno nazionale della Repubblica italiana, conosciuto come il Canto degli Italiani. Nacque a Genova il 5 settembre 1827 da una famiglia di origine sarda e di nobili ascendenze. Fin da giovane manifestò il suo talento letterario e la sua passione per la causa nazionale, aderendo al mazzinianesimo e partecipando alle rivolte del 1847-1848. La sua vita fu breve ma intensa, segnata da ideali di libertà e unità. A seguire: Goffredo Mameli causa morte e malattia del poeta.

Goffredo Mameli causa morte e malattia, di cosa è morto

Goffredo Mameli è morto a Roma, esattamente al Gianicolo, il 6 luglio 1849 all’età di soli 21 anni. Secondo la versione più accreditata, fu colpito da un fucile francese alla gamba sinistra il 3 giugno 1849. Mameli è morto quindi per una grave ferita riportata sulla gamba. Nonostante l’amputazione, la gangrena si estese e causò la sua morte.

Goffredo Mameli causa morte, chi ha ucciso il poeta e dove è sepolto oggi

Si può certamente dire che Mameli ha subito un tentativo di omicidio in battaglia da parte di un soldato francese, mentre stava difendendo la Repubblica Romana. La ferita alla gamba è una conseguenza del colpo di fucile inflitto da un soldato francese che restà ignoto. La tomba di Goffredo Mameli si trova al Mausoleo Ossario Garibaldino sul colle del Gianicolo. Le sue spoglie furono traslate lì nel 1941, in segno di riconoscimento per il suo ruolo di patriota e poeta34. Il suo cervello, invece, è conservato nel Museo di Anatomia Umana di Torino. Sulla sua tomba è scolpita una frase della sua madre, Adelaide Zoagli Mameli, che esprime il suo dolore e il suo orgoglio per il figlio scomparso prematuramente.

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA