Mattia Basciani La Storia: età, genitori, di dove è l’attore bambino che interpreta Useppe

Blog di Alberto Fuschi

Mattia Basciani La Storia

Mattia Basciani La Storia, chi è l’attore bambino che interpreta Useppe

Mattia Basciani interpreta Useppe nella fiction La Storia. Un ruolo determinante e da protagonista nel racconto basato sui libri di Elsa Morante. Useppe (Giuseppe) è il figlio di Ida Ramundo (Jasmine Trinca) nato da una violenza sessuale con un soldato tedesco. Useppe è un segno di speranza in un periodo martoriato dalla Grande Guerra e dall’avvento del fascismo che porterà fame, sangue e divisioni. Sono 2 i giovani attori che interpretano il figlio di Ida. Il primo bambino è Christian Liberti. Dall’episodio 3 subentra proprio Mattia per impersonare Useppe di circa 10 anni. Chi è Mattia Basciani. Ecco la sua biografia, la vita privata e dove è nato.

Mattia Basciani età, genitori, di dove è

Mattia Basciani La Storia

Data di nascita: Mattia Basciani età 9 anni è nato a Roma il 30 luglio 2015. I suoi genitori sono di origini romane. Il suo debutto arriva proprio nella fiction La Storia interpretando Useppe, il figlio di Ida. Il giovanissimo Basciani può già vantare di aver recitato al fianco di grandi attori italiani come Jasmine Trinca, Elio Germano e Valerio Mastandrea. Sicuramente è un inizio brillante che promette una splendida carriera.

Mattia Basciani chi è Useppe di La Storia: biografia personaggio

Ne La Storia, Mattia Basciani interpreta Useppe, alternandosi all’attore Christian Liberti. Useppe è frutto della violenza sessuale di un soldato tedesco. Un bambino di una dolcezza quasi soprannaturale, pieno d’amore per l’universo, gli uomini e gli animali. Il suo sguardo azzurro conquista il mondo e tutte le persone che lo incrociano. Durante la terribile occupazione nazista che affama Roma, Ida si batte come una lupa per trovare qualcosa da mangiare per lui, cercando di farlo crescere e di non farlo ammalare. Perché Useppe soffre di assenze che, una volta finita la guerra, lo faranno passare attraverso la trafila di medici e medicine. Ida, però, è fiduciosa perché è la stessa malattia di cui soffriva lei da piccola e dalla quale è guarita.

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA