Chi canta la sigla di Noi Siamo Leggenda, Uno come Noi testo canzone della colonna sonora

Blog di Alberto Fuschi

Chi canta la sigla di Noi Siamo Leggenda

Chi canta la sigla di Noi Siamo Leggenda

Chi canta la sigla di Noi Siamo Leggenda

Uno dei punti di forza di Noi Siamo Leggenda è la colonna sonora. Il teen drama di Rai 2 si avvale di questa atmosfera magica, quasi surreale, con i giovani protagonisti toccati da misteriosi super poteri. E per una fiction così intrigante non poteva mancare anche una musica toccante. Chi canta la sigla di Noi Siamo Leggenda ? Scopriamo la colonna sonora e il testo della canzone.

Chi canta la sigla di Noi Siamo Leggenda “Uno come noi”

L’autore della sigla di Noi siamo leggenda è Matteo Buzzanca, autore della colonna sonora coeditata e coprodotta dalle Edizioni Musicali Rai Com e Second Round, già disponibile sulle piattaforme musicali. La sigla, intitolata Uno Come Noi da non confondere con l’omonima canzone dei Nomadi, è interpretata da Nashley, rapper nato nel 2000 in provincia di Vicenza. Qui per ascoltare la canzone.

Uno come noi testo canzone Noi Siamo Leggenda

Per ogni giorno che ho perso, yeah
Non passa mai quest’inverno che è in me
Tutta la pioggia che ho dentro
Divide noi dall’inferno
Vivo finché l’anima mi prenderà fuoco
Quando sono freddo e mi riscaldo da solo
Noi, degli eroi vestiti d’amore e d’odio
Se ho paura so che sono vivo e non morto
Però ho capito che
Le leggende non sono per sempre
Forse sbaglierò tutte le strade
E non so se terrò l’equilibrio prima di cadere
Io sarò uno come noi
Questi vecchi muri sembra che non hanno età (che non hanno età)
Siamo fiori in mezzo al cemento
E forse un po’ lo siamo da sempre
Io che sono un punto perso in questa città (in questa città)
Che non mi ha mai dato niente
È che mi chiedo da sempre, chi verrebbe a cercare

Uno come noi. Aspetto che la notte venga a prendermi, solo lo per non rendermi. Conto che tutto ciò che è luce non per forza e un bene. La vita è un film e siamo solo oggetti scenici. Ed io che aspetto al freddo i titoli di coda. E magari faccio del cielo un tappeto e lo porto via. Lo porto dove dove nessuno lo può guardare. Ho sempre odiato la strada di casa mia. Forse perché mi ricorda ancora mio padre
E lo so (e lo so). Le leggende non sono per sempre, forse sbaglierò tutte le strade, sono in gara col mondo ma ho già vinto perché

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA