Miranda Priestly storia vera: esiste davvero, biografia, chi è nella realtà ?

Blog di Alberto Fuschi

Updated on:

Miranda Priestly storia vera

Miranda Priestly storia vera, esiste davvero la protagonista de Il Diavolo veste Prada

Miranda Priestly storia vera

Miranda Priestly esiste davvero ? Ecco chi è nella realtà la vera protagonista del film Il Diavolo Veste Prada. Meryl Streep ha interpretato magistralmente uno dei personaggi più iconici della storia del cinema. I personaggi sono tratti dall’omonimo romanzo di Lauren Weisberger “The Devil Wears Prada”. Miranda è una tirannica direttrice della nota rivista Runway e si ritroverà al suo fianco Andy Sachs, una giornalista talentuosa che non sa nulla di moda. Da cosa è tratto il film ? Continua a leggere: Miranda Priestly storia vera e biografia.

Miranda Priestly biografia

Miranda Priestly nasce a Miriam Princhek il 25 ottobre 1949 nell’East End di Londra. La sua famiglia era composta da ebrei ortodossi. Miranda si è fatta conoscere nel mondo della moda londinese e parla diverse lingue tra cui il francese. Il primo incarico lo ottiene per la rivista Chic di Parigi. A 24 anni Miriam cambio il suo nome in Miranda Priestly. Si è trasferita dalla French Runway alla American Runway. Ha un marito e 2 figlie gemelle. Il punto più alto della carriera lo raggiunge come direttrice della rivista Runway dalla società Elias-Clark.

Miranda Priestly storia vera, chi è nella realtà

Miranda Priestly storia vera
A sx Miranda Priestly (Meryl Streep) a dx la vera Miranda Priestly (Anna Wintour)

Miranda Priestly non è esistita nella realtà, ma il suo profilo corrispondente è quello di Anna Wintour direttrice della rivista Vogue (nel film Runway). Wintour è nata il 3 novembre 1949 a Londra. È uno dei personaggi più influenti della moda e del giornalismo, proprio come Miranda. Si è sposata con David Shaffer (psichiatra infantile) dal quale ha divorziato nel 1999 e ha avuto 2 figli: Charles Shaffer e Katherine Shaffer. Wintour si sposa per la seconda volta, nel 2004, con Shelby Bryan. La relazione termina nel 2020.

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA