Maria Corleone recensione: lo spettro di Rosy Abate non scalfisce la coraggiosa Rosa Diletta Rossi

Blog di Alberto Fuschi

Updated on:

Maria Corleone recensione

Maria Corleone recensione

Maria Corleone recensione

Maria Corleone si è presentata ufficialmente al grande pubblico Mediaset, tra diffidenza generale e nostalgia verso la precedente “eroina” siciliana Rosy Abate, interpretata da Giulia Michelini nelle stagioni di Squadra Antimafia Palermo Oggi. Non sono mancati i pregiudizi, ancora prima della messa in onda, sul nuovo prodotto di Taodue che incentra per l’ennesima volta le vicende nella Palermo macchiata dal sangue mafioso. Uno schema che si ripete, seppur in forma diversa, anche nella serie tv diretta da Mauro Mancini. Continua a leggere: Maria Corleone recensione di Spettacolo Italiano.

Maria Corleone recensione: lo spettro di Rosy Abate non scalfisce la coraggiosa Rosa Diletta Rossi

Maria Corleone, detta anche Maria Florio, è una brava ragazza che lavora come stilista a Milano. Si è rifatta una nuova vita, lontana dal passato mafioso della sua famiglia, e aspetta un figlio dal compagno che fa il sostituto procuratore. Poi il ritorno a Palermo, l’attentato al fratello, e la trasformazione da buona a cattiva. Come iniziò la storia di Squadra Antimafia ? Quasi allo stesso modo. Rosalia Abate, prima di diventare Rosy, torna a Palermo dalla sua famiglia in occasione del suo matrimonio. Dopo la morte dei suoi fratelli e soprattutto di suo marito Salvo, Rosalia diventa gradualmente la spietata Rosy per vendicare la sua famiglia

Maria Corleone e Rosy Abate, il passato in comune

Ecco, la vendetta è il tema che unisce Maria Corleone e Rosy Abate. Da buone a cattive, in nome della famiglia. Non mancano altre similitudini, senza considerare la presenza di una buona metà del cast di Antimafia. L’azione è un elemento che deve ancora ingranare. Pure il legame newyorkese ricorda molto quello di Rosy. Ma Maria Corleone è davvero una copia di Squadra Antimafia ?

Maria Corleone recensione e valutazione

Dopo aver visto il primo episodio non si può nascondere la somiglianza, anche lontana, tra Antimafia e la nuova serie tv. Maria Corleone non potrà mai essere Rosy Abate. La storia è diversa, anche se cerca di ricalcare quella precedente. Rosa Diletta Rossi è comunque molto brava. Non è facile, una grossa responsabilità e solo per questo merita un applauso. Infatti, l’unica nota positiva è proprio l’attrice, che ha svolto egregiamente il suo compito. Per essere la sua prima volta da protagonista in una serie tv in prima serata, il risultato non è niente male. Se dovesse deludere le aspettative, non prendetevela con Rosa Diletta e soprattutto non paragonatela a Giulia Michelini. Hanno avuto due destini diversi in due epoche televisive differenti. Chissà, forse 15 anni fa, nella Mediaset dei tempi d’oro, Maria Corleone avrebbe ottenuto il successo che meritava.

VOTO 7

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA