Divine la fidanzata dell’altro storia vera: Maria Bessarini è esistita davvero ?

Divine la fidanzata dell'altro storia vera

Divine la fidanzata dell’altro storia vera ?

Divine la fidanzata dell'altro storia vera

Divine la fidanzata dell’altro storia vera ? Lui ama lei che ama Dio. Prendere i voti è una decisione impegnativa, tanto più se di mezzo ci si mette l’amore. È il tema del lungometraggio di produzione tedesca, firmato da Jan Schomburg, con Matilda De Angelis, Callum Turner, Pino Ammendola e Anna Bonaiuto. Il film è ambientato sullo sfondo di una Roma vaticana che risplende delle luci e dei colori della primavera, mentre attende che dalla Cappella Sistina esca il nome del nuovo Pontefice. Maria Bessarini è esistita davvero ?

Divine la fidanzata dell’altro storia vera, di cosa parla il film

Gregory, un noto giornalista televisivo americano, si reca nella capitale per seguire l’elezione del nuovo Pontefice. Qui incontra e s’innamora di Maria, un’affascinante ragazza romana, che è promessa a Dio e che sta per diventare suora. Si aggiungono eventi soprannaturali che cercano di impedire la relazione tra i due.

Divine la fidanzata dell’altro storia vera, Suor Maria Bessarini è esistita davvero ?

Suor Maria Bessarini è esistita davvero ? Che una suora si innamori e decida di abbandonare il velo non è certo un caso raro, ma i personaggi e il film Divine la fidanzata dell’altro non è tratto da una storia vera, come è successo ad esempio con l’altro film religioso “La Papessa”. Ci sono stati però vari casi simili, anche più clamorosi di quella dell’opera tedesca.

Ricordiamo soprattutto quello nel Convento in Valtiberina con una suora che ha abbandonato il velo all’età di 40 anni, perché si era innamorata follemente di un fedele. L’ex suora non tornò sui suoi passi e la sua decisione fece chiudere addirittura il Convento. Oppure ricordiamo quela di Suor Mary Elizabeth che decise di svestirsi i panni da suora per vivere l’amore con un prete anglicano, Padre Robert, nel 1998 al Convento delle Carmelitane di Oxford.

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA