Shane Lunny causa morte, età, padre, chi era il figlio di Sinead O’Connor

Shane Lunny causa morte

Shane Lunny causa morte, chi era il figlio di Sinead O’Connor

Shane Lunny causa morte

Con la morte odierna di Sinead O’Connor emergono i primi dettagli sulla vita familiare della celebre cantante irlandese, autrice di grandi brani di successo come Nothing Compares U2. La famiglia O’Connor ha vissuto soltanto un anno un tragico lutto, ovvero la scomparsa del figlio Shane Lunny. La cantante non ha mai superato questa tragedia e anche lei, purtroppo, è finita nel vortice della disperazione. Chi era il figlio di Sinead O’Connor ? Continua a leggere: Shane Lunny causa morte.

Shane Lunny età del figlio di Sinead O’Connor

Data di nascita: Shane Lunny è nato nel 2005. All’anagrafe il suo nome completo è Nevi’im Nesta Ali Shane O’Connor. Figlio di Sinead O’Connor, il padre è il musicista irlandese Donal Lunny. Sinead O’Connor si rivolse a lui “Vorrei ringraziare Donal Lunny, il padre di Shane. Suo figlio lo adorava. Sei stato sempre dolce con lui, un padre amorevole”. Shane è morto all’età di 17 anni, quasi maggiorenne.

Shane Lunny causa morte

Shane è morto il 7 gennaio 2022 all’età di 17 anni. Shane annuncia il tragico evento sui profili social accusando lo Stato di non essere stato presente per proteggerlo a sufficienza. Il ragazzo era scomparso da due giorni. Scappò dal centro psichiatrico, dove era ricoverato per tendenze suicide. Ma è proprio nel centro psichiatrico che ideò la sua morte. Costruì un cappio nella sua stanza. Shane si è impiccato.

Shane Lunny figlio Sinead O’Connor

Sinead ha parlato della sua vita dopo la scomparsa del figlio “Da allora ho vissuto come una creatura notturna non morta. Era l’amore della mia vita, la lampada della mia anima, il mio bellissimo figlio, ha deciso di porre fine alla sua lotta terrena oggi e ora è con Dio. Possa riposare in pace e che nessuno segua il suo esempio. Ti amo così tanto. Per favore sii in pace”. Sinead aveva 4 figli: Jake Reynolds, Rosin Waters e Yeshua Francis Neil Bonadio.

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA