Domani testo canzone di Mare Fuori, Ddoje mane traduzione e significato (feat. Raiz Salvatore Ricci)

Blog di Alberto Fuschi

Updated on:

domani-testo-mare-fuori

Domani testo e significato della canzone di Mare Fuori

domani-testo-mare-fuori

Se ‘O Mar For è la canzone simbolo della serie tv, a questa si aggiunge un altro pezzo cult dell’ascoltatissima colonna sonora curata da Stefano Lentini. Parliamo di “Domani” canzone di Mare Fuori conosciuta con il titolo originale in napoletano “Ddoje man”. Chi la canta? Uno dei protagonisti della fiction, ovvero Raiz frontman degli Almamegretta che interpreta Salvatore Ricci. Il significato è molto simile alla sigla. In queste note si può leggere la speranza di chi è dentro e che non aspetta altro di uscire fuori per un nuovo domani. Ecco, a seguire, il testo di Domani, la traduzione e il video della canzone.

Ddoje Mane testo, traduzione e significato (feat. Raiz Salvatore Ricci)

Domani, nun è tropp tard si m’aspiett for, Domani, nun parla’, Guardame int ‘a l’uocchie, oltre tutti i muri,Domani, a ccu ca me ‘nfonne a facc’. E tu ca si ancora cchiù bbella. Ddoje mane, conta ventiquattro ore. E poje s’arapeno ‘e ccancell. 

Tutti gli sbagli che ho fatto, tutte le volte che ho detto “E’ l’ultima volta, adesso si svolta”. E poi mi ritrovavo a non svoltare mai. Quann vot m’e lassat. Poje me so truvat perduto. Io che fino in fondo sono già arrivato. E piano piano sto tornando su. Domani, Ddoje mane. Ultimo colloquio ca tenevo ‘a cap, è l’ultima vot ca parl ‘e reat, l’ultima iurnata comm carcerato, l’ultima partita a munno contrarat. Forza guagliù, ca c vrimm for. Dimane nunn’è ogg e nunn’è manco ajere. Quanno annascunnuto aret a nu purtone. Vennevo ‘a morte a cchi nun se vuleva bbene. 

Dimane torno a n’ata vot int’o rione. Catena ‘e brillant e cca cullana d’oro. Vogl passa’ ‘a vita miezz a cchesti pprete. Aram l’animale ca me lasso aret. Spunta n’atu sol acopp ‘o sesto piano. Quest’inverno sembra che sia già finito. Alzo in alto il calice, brindo alla vita. A chi si lascia indietro tutto il suo passato. Domani, non è troppo tardi se mi aspetti fuori. Domani, non parlare. Guardami negli occhi, oltre tutti i muri. Domani… ddoje mane. Conta ventiquattro ore e poje s’arapeno ‘e ccancell.

Traduzione ritornello, nelle parti scritte in napoletano: Domani, non è troppo tardi se mi aspetti fuori. Domani, non mi parlare, guardami dentro agli occhi, oltre tutti i muri. E tu sei ancora più bella. Domani, conta ventiquattro ora e poi si aprono i cancelli.

error: ©RIPRODUZIONE RISERVATA