Home » Viola testo e significato della canzone di Fedez e Salmo

Viola testo e significato della canzone di Fedez e Salmo

Viola testo e significato della canzone di Fedez e Salmo

viola-testo-fedez-salmo

Dopo il caso di dissing, tra Fedez e Salmo è pace fatta. Lo scontro nacque sui social nell’estate del 2021 in seguito al concerto “improvvisato” di Salmo a Olbia. A distanza di oltre un anno, i due rapper uniscono le forze sfornando un nuovo singolo “Viola” firmato appunto Fedez e Salmo in collaborazione con Dargen D’Amico, Paolo Antonacci e Davide Simonetta. Il singolo esce su tutte le piattaforme nella notte del 14 ottobre 2022 ed è descritto come un pezzo Pop Punk dal ritmo travolgente e ricco di energia. Il brano racconta la storia di una certa Viola, una ragazza problematica, che mette in crisi il rapporto con il proprio uomo. Il suo partner amerà alla follia i difetti caratteriali della donna. A seguire, il video e il testo di Viola di Fedez e Salmo.

"Viola" Fedez e Salmo testo integrale e video della canzone

Cerco di non pensare al giorno che ti ho dato le chiavi, cerco di non pensare al se**o, ma tu cambi i miei piani, oh oh oh, ma che cosa te ne fai dei fogli viola, oh oh oh oh oh, se poi li spegni da sola. Se ci scende cosa ci prende, certi baci non sanno di niente, sto cercando disperatamente, te nella notte più lunga di sempre. Ritornello: M’ama, però non mi dire di no. Nudi, subito nudi, subito meglio di noi non esiste, non può vieni subito, ci vuole un anno per capirti eh, più mal di testa che vestiti, da un po’, che c*** hai, non lo so dici no, e io per te ci morirei. 

Ho speso tutti i soldi, adesso ho solo buchi nelle mani, per te che in fondo, non ricordo più come c***o ti chiami. Sparisci? Un cuore antiproiettile, io posso amarti come un rettile, quindi leviamoci la pelle tanto a che serve, il peggio è passato, non guardo mai indietro, ci sono già stato oh, io lo sapevo tu sei una che, è di passaggio come nuvole. Se ci scende cosa ci prende, certi baci non sanno di niente, sto cercando disperatamente, te nella notte più lunga di sempre. 

Ritornello. Lo so non stiamo mai insieme, non ti porto rispetto, dici smetti di bere guarda come sei messo, un’altra scusa del mese, te l’avevo promesso, ti richiamerò presto. E quel mezzo milione che mi piove sul letto, ti giuro non mi farà nessunissimo effetto, voglio farti di tutto, come la metti adesso, voglio fare del se**o. Ritornello

Blog di Alberto Fuschi

Giornalista iscritto presso l'Ordine Nazionale dei Giornalisti. Blog Magazine: Piper Spettacolo Italiano