Home » La Vita Splendida testo e significato della nuova canzone di Tiziano Ferro

La Vita Splendida testo e significato della nuova canzone di Tiziano Ferro

La Vita Splendida testo della nuova canzone di Tiziano Ferro

la-vita-splendida-testo

È stata rilasciata oggi “La Vita Splendida” testo della nuova canzone di Tiziano Ferro, uno degli artisti più amati dal pubblico italiano. Cosa significa ? Ferro ha spiegato che il suo nuovo singolo è un dialogo immaginario tra lui e una sua cara amica con cui è cresciuto e si è confrontato dai 20 ai 40 anni. Insomma, un messaggio musicale che vuole celebrare e valorizzare l’amicizia tra bei momenti e insicurezze. Ecco, a seguire, il testo de La Vita Splendida e il video della canzone.

Testo canzone "La Vita Splendida" di Tiziano Ferro VIDEO

Amati più che puoi, e poi amati come vuoi, e lascia stare chi ti punta sempre il dito, e lascia stare chi non lo ha capito, mettiti quel vestito, anche se dicono che non ti sta smettila di dire sempre, che per ballare non hai più l’età, e poi chiediti come stai
da quanto tempo non lo fai. Tu che eri una che vivevi d’istinto, ora al futuro ci credi a stento, tu che per sempre non esiste mai, tu che non esisti chi ama come noi, tu che più cadi più ritorni in piedi, tu alla fine ancora un po’ ci credi. A una vita così, che anche quando ti spettina, è splendida si, sembra quasi una corsa ad ostacoli, e tu, tu vuoi battere il record mondiale, anche quando il traguardo scompare, splendida si.

Splendida malinconia, splendida quella bugia, che ti tiene prigioniera da vent’anni
aggrappata ad una fotografia. Splendida anche questa luna che non hai certo fabbricato tu, splendida la paura di dire a tutti che ora vuoi di più. Da una vita così, che anche quando ti spettina è splendida si, è una specie di corsa ad ostacoli. E tu, tu vuoi battere il record mondiale, anche quando va tutto a put*, anche se a volte vorresti morire. Come è facile, dirsi bugie quando piove, e tu, ti senti sola. Ma una vita così, io la voglio lo stesso una vita così, a pensarci mi vengono i brividi, ma io la voglio cantare, anche quando l’orchestra scompare.

Blog di Alberto Fuschi

Giornalista iscritto presso l'Ordine Nazionale dei Giornalisti. Blog Magazine: Piper Spettacolo Italiano