Home » Don Matteo chi è Don Massimo il nuovo prete interpretato da Raoul Bova

Don Matteo chi è Don Massimo il nuovo prete interpretato da Raoul Bova

Don Matteo chi è Don Massimo ?

don-matteo-don-massimo

Raoul Bova è pronto ad indossare i panni di Don Massimo, il nuovo personaggio che prenderà il posto di Terence Hill in Don Matteo 13. Una scelta che farà discutere, ma inevitabile dopo le volontà espresse da Terence Hill. Tuttavia, durante la presentazione alla stampa, gli addetti ai lavori non hanno parlato di un vero e proprio rimpiazzamento, anche perché il destino del sacerdote uscente è ancora avvolto nel mistero. Ma pare proprio che ci sia Don Massimo dietro la scomparsa di Don Matteo. Bova, arrivato qualche mese fa sul set Spoleto, ha già interpretato più di una volta dei ruoli religiosi di grande successo nella televisione italiana. Lo ricordiamo soprattutto nei panni di San Francesco, ma anche di padre Tomasz nel film Taodue “Karol – Un uomo diventato Papa” e in quelli di Papa Sisto IV nella serie I Medici. Riuscirà ad entrare nel cuore degli italiani anche questa volta ? Ma scopriamo chi è Don Massimo, il nuovo prete interpretato da Raoul Bova.

Don Massimo il nuovo prete interpretato da Raoul Bova

Don Massimo è un prete differente. Diverso da Don Matteo e da tutti gli altri. Un prete abituato a sporcarsi le mani, più propenso a stare tra gli ulivi che dentro le quattro mura della canonica. Certamente saldo nella sua fede e nel suo rapporto con Dio, ma con le difficoltà di tutte le persone di oggi, dell’uomo comune: un prete che, come tutti noi, ha a volte anche bisogno di sfogarsi, di scaricare le tensioni. Don Massimo, un po’ per vocazione professionale (nella sua vita di prima) e un po’ per attitudine, è sempre stato un tipo solitario, abituato a occuparsi di sé senza dover rendere conto a nessuno.

Ecco perché in qualche modo fa sempre un po’ fatica ad entrare in contatto con gli altri, specialmente se quegli altri sono la pazza famiglia della canonica. Don Massimo arriverà a Spoleto al suo primo incarico in una parrocchia, portando con sé una vocazione travagliata e un passato misterioso. Già, perché Don Massimo prima di vestire i panni di sacerdote era un uomo come tanti altri, con un lavoro e dei progetti per il futuro.

L’incontro con la morte e soprattutto con Don Matteo gli hanno cambiato la vita, portandolo sulla via della fede. Un prete moderno che dovrà fare i conti non solo con le difficoltà degli altri, ma soprattutto con le sue. Un uomo che pensava che la vita da sacerdote sarebbe stata solitaria, senza famiglia. E invece scoprirà di avere una famiglia ancora più grande, la grande famiglia di don Matteo.

Blog di Alberto Fuschi

Giornalista iscritto presso l'Ordine Nazionale dei Giornalisti. Blog Magazine: Piper Spettacolo Italiano