Piper Spettacolo Italiano

L’Immortale il film, fine riprese uscita il 12 dicembre, Marco D’Amore «Vi aspetto al cinema»

L'Immortale il film fine riprese, Marco D'Amore «Vi aspetto il 12 dicembre al cinema!»

l-immortale-il-film

Uscirà il 12 dicembre, l’attesissimo spin-off di Gomorra la Serie “L’Immortale il film”. A dirigere il progetto, annunciato nel finale di stagione di Gomorra 4, l’interprete di Ciro Di Marzio, Marco D’Amore che ha pubblicato poco fa la foto del ciak con su scritto «Vi aspetto al cinema!!! Il 12 dicembre». Il film è prodotto da Cattleya e sarà distribuito da Vision Distribution.

Questo è il messaggio riportato da Marco D’Amore

«”It’s wrap! Fine lavorazione!”, grida forte Lorenzo, il mio aiuto regia. Siamo in un enorme slargo. Si fa prima un silenzio surreale intorno, poi parte un applauso deciso che cresce e che si fa potente, interminabile. Mi sbattono le tempie, ho gli occhi lucidi, guardo tutti come in un rallenty venirmi incontro per abbracciarmi. Penso alla mia mamma e ai suoi sacrifici, penso alle mie partenze e i pochi ritorni, penso ai sogni, quelli infranti e quelli che ancora inseguo. Penso agli uomini e alle donne e ai miracoli di cui sono capaci. Tutto mi passa davanti velocissimo. Poi Matteo mi scuote: “Marco abbiamo finito, ti giuro io non piango mai, ma guardami!”. Ora è tutto più nitido intorno. Parlo poco, solo due parole sincere di ringraziamento. Sono tutti davanti a me. Dico che il mio cognome è la mia croce e la mia delizia e che se sono lì e solo una questione d’Amore. Si vedrà tutto in questo film. Tutto. Tutto l’amore che ci abbiamo buttato dentro senza risparmiarci. Il 12 Dicembre in sala questo si andrà a fare. L’amore col Cinema. Qualcuno ride, altri mi guardano e annuiscono. Ma io sono sincero, lo penso davvero. Poi mi giro e torno verso il campo base. Il mio primo film. Ho finito il mio primo film, mi ripeto a mezza voce. Continuo a camminare lento e senza che nessuno mi veda, piango. L’ Immortale 12 dicembre»

Siamo nel 1980, la terra trema, il palazzo crolla, ma sotto le macerie si sente il pianto di un neonato ancora vivo. Dieci anni dopo ritroviamo quel neonato ormai cresciuto impegnato a sopravvivere come può alle strade di Napoli. E’ un figlio di nessuno. Sono ricordi, o frammenti di ricordi, palpabili, germogli di una educazione criminale che l’hanno reso ciò che è: Ciro Di Marzio, l’Immortale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *