Salento Finibus Terrae 2019 i premiati: Safiter a Gianmarco Tognazzi, Mirko Frezza, Matteo Branciamore e Max Bruno

I premiati del Salento Finibus Terrae 2019

Il Salento Finibus Terrae verso il gran finale. Il direttore artistico Romeo Conte chiuderà la rassegna questa sera alla Torre Bianca con Il viaggio di Adele. Un festival che fa spola nelle  bellissime località pugliesi di San Severo, Sammichele di Bari e Fasano. Tra i premiati di quest’anno Mirko Frezza è stato eletto miglior attore con il Safiter Stefano Ricci per “Detective per caso” e “A mano disarmata” proiettati entrambi durante la rassegna. Presenti i registi Giorgio Romano (vincitore per Detective per Caso) Claudio Bonivento (A mano disarmata) insieme all’altra premiata Lidia Vitale. Tra gli altri vincitori sempre per “Un detective per caso” Alessandro Tiberi, Emanuela Annini e Daniela Alleruzzo. Safiter anche a Gianmarco Tognazzi, Massimiliano Bruno, Marina Confalone e Matteo Branciamore per il suo cortometraggio “Sveglia”. Premio miglior cortometraggio della sezione “Corto Italia” a Daniele Nicolosi per l’opera In Principio. Premio migliore regia sezione “Corto Italia” per U Muschittìeri di Vito Palumbo. Premio migliore attrice a Lidia Vitale per l’opera Soubrette – short film di Marco Mingolla.

Vincitore Miglior Corto sezione Diritti Umani Baradar di Beppe Tufarulo.

◽️Vincitore Miglior Corto sezione Corto Italia In Principio di Daniele Nicolosi

foto Salento Finibus Terrae

Alberto Fuschi

Giornalista iscritto presso l'Ordine Nazionale dei Giornalisti Fondatore e direttore della rivista Piper Spettacolo Italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto