Attori e registi uniti per il Cinema America

La vicinanza del mondo dello spettacolo e non solo per l'aggressione di sabato a Trastevere

Valerio Colantoni, uno dei ragazzi aggrediti sabato sera a Trastevere, ha esporto denuncia. Questo è il messaggio dal profilo ufficiale dei ragazzi del Cinema America che dal 1 giugno stanno illuminando la capitale ogni giorno con il loro “Cinema in Piazza 2019”

cinema america edoardo leo instagram

Edoardo Leo «La prossima volta prendetevela con me»

Il primo ad avviare la campagna social di solidarietà verso i ragazzi aggrediti da un gruppo di fascisti è stato l’attore e regista Edoardo Leo. Dal suo profilo Instagram è arrivato questo messaggio «Facciamo così. La prossima volta prendetevela con me». Diverse le risposte dei colleghi sul post. Da Anna Foglietta «Sei un grande» a Stefano Fresi «Fratè, serve una mano?» fino a quella pubblica sul palco di San Cosimato. L’attore inglese Jeremy Irons ha sfoggiato la maglia bordeaux tuonando «È solo violenza, la situazione in Europa è frammentata. Dobbiamo fare attenzione quando andiamo a votare, ma soprattutto impedire che ciò che è avvenuto settanta anni fa non torni a gettare i suoi semi».

cinema america jeremy irons
cinema america corrado guzzanti

David Habib «Ringrazio tutti per la solidarietà»

L’altro ragazzo colpito dall’aggressione è David Habib «Ringrazio tutti per la solidarietà, sono appena uscito dalla sala operatoria per l’intervento al setto nasale. Non appena mi dimetteranno andrò subito a sporgere denuncia e lo farò indossando la maglietta del Cinema America!» scrive su Instagram. Sul post non sono mancati messaggi di affetto da parte di attori e registi italiani. I tre miti di Romanzo Criminale in coro: Vinicio Marchioni «Tutti con te!», Alessandro Roja «Forza!» e Francesco Montanari «Daje!». Gabriele Muccino «Siamo tutti ragazzi del Cinema America». Alessandra Mastronardi «Dalla tua parte», il simbolo del cuore pubblicato da Valeria Solarino, oltre al like del direttore artistico di Venezia, Alberto Barbera e la foto di Corrado Guzzanti con la maglietta del Cinema America.

cinema america david habib

Borghi «Siete dei miserabili»

Alessandro Borghi, protagonista di una delle serate di questa edizione del Cinema in Piazza, ha espresso la sua vicinanza con parole al veleno verso gli aggressori «Siete dei miserabili. Vigliacchi. Pagliacci. Fomentati. Siete degli scemi. W il Piccolo America». Da lì si sono moltiplicate le stories. Da Giuliano Sangiorgi, Samuele Bersani, Isabella Ferrari, Kasia Smutniak, Serena Rossi, Matilda De Angelis, Sara Serraiocco, Melania Dalla Costa e Dario Aita al tweet della sindaca Virginia Raggi «Piena solidarietà ai ragazzi del Cinema America». Sempre da Twitter si uniscono Giovanni Veronesi (ospite il 20 al Cinema in Piazza) e Alessandro Gassmann. Vinicio Marchioni pubblica un fotomontaggio di Pertini con la maglia del Cinema America «La puoi pensare come vuoi, ma non puoi aggredire dei ragazzi con una maglia amaranto (#francescobruni ) che non c’entra un cazzo con la politica, ma con la cultura del cinema e della condivisione dell’arte» scrive su Instagram.

Ecco, proprio in riferimento alle ultime parole del lungo post di Marchioni, la mia speranza è che tutta questa solidarietà non si trasformi come al solito in uno slogan propagandistico, ovvero antifascisti da una parte e fascisti o presunti tali dall’altra. Io la penso come Irons «È solo violenza» e come tale dev’essere condannata. Fermiamo queste ideologie inutili che generano soltanto divisione. Vi prego, indignatevi per l’infame gesto e lasciate perdere il sentimento politico da stadio che non vi porterà da nessuna parte. Attori, siate onesti. Amate questi coraggiosi ragazzi e abbandonate gli inutili colori politici che non c’entrano nulla.

Alberto Fuschi

Blog di Alberto Fuschi

Giornalista iscritto presso l'Ordine Nazionale dei Giornalisti. Blog Magazine: Piper Spettacolo Italiano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto