L’Aquila 3:32, Lino Guanciale incanta anche da reporter, più di 8.000 Tweet per “Lino”

Il documentario "l'Aquila 3:32 - La generazione dimenticata" raccontato da Lino Guanciale ha interessato 1 milione di telespettatori.

Anche nelle vesti di reporter Lino Guanciale incanta il pubblico del venerdì sera ricordando il tragico decennale del terremoto de l’Aquila.

l-aquila-3-30-lino-guanciale

Più di 8.000 Tweet per l'argomento "Lino"

L’argomento “Lino” ha raccolto la bellezza di 8.065 Tweet tenendo testa il colosso Ciao Darwin 8 e battendo le preferenze social di Gomorra 4, la Corrida e lo stesso hashtag L’Aquila 10 anni dopo utilizzato da Sky Tg24. Entra di tendenza anche l’hashtag “per non dimenticare” oltre a quelli predefiniti nazionali “L’Aquila”“6 aprile”, il giorno in cui avvenne la drammatica vicenda.

Lino Guanciale, un testimone abruzzese per l'Aquila 3:32

l-aquila-3-30-lino-guanciale

Non ci poteva essere testimone migliore per mostrare la tragedia infinita che incombe su l’Aquila dal lontano aprile 2009. Vedremo qualcosa di simile prossima settimana nella fiction “L’Aquila Grandi Speranze” con il collega Giorgio Marchesi.

Lino Guanciale intervista i volti affranti dal terremoto che porta appunto il nome della trasmissione l’Aquila 3:32. Tante storie tra cui quella di Roberta e Michele, quest’ultimo scomparso dal terribile sisma. L’Aquila 3:32 sceglie una delle toccanti colonne sonore di Nicola Trescari ascoltata nella fiction l’Allieva (guarda dal minuto 0:07:30). Lino Guanciale assume quasi i panni del fantasma di Cagliostro, lo stesso look, lo stesso cappotto. Un fantasma nella città fantasma. Perchè l’Aquila è ancora ferma e nessuno fa niente. Perciò, occorrono questi reportage così significativi per far capire che il capoluogo abruzzese merita più attenzione e soprattutto l’aiuto necessario per ripartire. Per questo grazie Lino, da un abruzzese. 

Alberto Fuschi

Blog di Alberto Fuschi

Giornalista iscritto presso l'Ordine Nazionale dei Giornalisti. Blog Magazine: Piper Spettacolo Italiano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto